Non starò a raccontarvi delle storie

Menu

Elliot Tiber, Tom Monte : Taking Woodstock / Rizzoli 2009. Recensione

Taking Woodstock / Elliot Tiber, Tom Monte
Traduzione dall’inglese di Valerio Bartolucci
Rizzoli – 24/7, Milano 2009
245 p. ; 17€

Pubblicato su L’Indice dei Libri, XXVI, n. 11, Ottobre 2009

Taking Woodstock, di Elliot Tiber e Tom Monte, Rizzoli 2009, frontespizio, (part.) 1

Taking Woodstock, di Elliot Tiber e Tom Monte

Nel quarantennale del festival di Woodstock, Ang Lee ha girato il suo nuovo film, Taking Woodstock (USA, 2009), tratto dal libro omonimo di Elliot Tiber, che Rizzoli ora traduce nella collana “24/7”.

Taking Woodstock, di Elliot Tiber e Tom Monte, Rizzoli 2009, art director Francesca Leoneschi, graphic designer Elena Giavaldi; per la fotografia alla copertina: ©Barry Z. Levine, (part.) 8

Ingannevolmente, nella versione italiana si perde il sottotitolo, A True Story of a Riot, a Concert, and a Life, sostituito in copertina da L’avventura eroicomica del ragazzo che salvò il Festival, più fedele al taglio del film.
La comunicazione editoriale è tutta orientata verso un pubblico interessato a leggere del concerto più famoso della storia, del raduno di musicisti più straordinario degli anni ’60, raccontato da chi ebbe l’avventura di ospitare nel motel di famiglia una parte dello staff e una moltitudine di spettatori.

Taking Woodstock, di Elliot Tiber e Tom Monte, Rizzoli 2009, art director Francesca Leoneschi, graphic designer Elena Giavaldi; per la fotografia alla copertina: ©Barry Z. Levine, (part.) 1

Rock Hudson, Tennesse Williams, Truman Capote

Chi lo comprasse per questo però rischia di restare sconcertato dal racconto di un Rock Hudson semi incosciente penetrato a turno da un gruppo di uomini in un bar, o dal sesso sfinito e drogato consumato con Tennesse Williams e Truman Capote, o ancora dalla lunga serie di sottomissioni sessuali cui l’autore racconta di essersi sottoposto lungo la strada percorsa negli anni ’50, repressivi e sordidi, sino alla liberazione che proprio Woodstock gli fece intuire, sino agli scontri di Stonewoll di cui Tiber fu testimone e attivo partecipante.

Taking Woodstock, di Elliot Tiber e Tom Monte, Rizzoli 2009, art director Francesca Leoneschi, graphic designer Elena Giavaldi; per la fotografia alla copertina: ©Barry Z. Levine, (part.) 2 Taking Woodstock, di Elliot Tiber e Tom Monte, Rizzoli 2009, art director Francesca Leoneschi, graphic designer Elena Giavaldi; per la fotografia alla copertina: ©Barry Z. Levine, (part.) 3 Taking Woodstock, di Elliot Tiber e Tom Monte, Rizzoli 2009, art director Francesca Leoneschi, graphic designer Elena Giavaldi; per la fotografia alla copertina: ©Barry Z. Levine, (part.) 4

La storia di un gay ebreo americano, giovane negli anni ’60

Perché Taking Woodstock contiene in realtà due libri, uno, scanzonato, allegro, comico, scritto in tono brillante e autoironico, che sa dosare bene l’alternarsi dell’ironia di scuola ebraica e il senso dell’incanto liberatorio che quel concerto, e quegli anni, seppero conquistare, l’altro, cupo, molto doloroso e affaticato è uno sfogo che Tiber, dalla sua tribuna di testimone contrabbanda in un racconto di sicura presa commerciale.
Sfogo che racconta del dolore e della frustazione di un giovane gay ebreo americano, figlio di immigrati russi, nato in un minuscolo paesino della provincia persa nel vuoto a nord di New York, di una educazione sentimentale distorta e mai pacificata, di cicatrici che non si rimarginano.

Taking Woodstock, di Elliot Tiber e Tom Monte, Rizzoli 2009, art director Francesca Leoneschi, graphic designer Elena Giavaldi, (part.) 2

Qui, il sito di Elliot Tiber

In Italia il film di Ang Lee uscirà con il titolo di Motel Woodstock.

Taking WoodstockTaking WoodstockTaking Woodstock

Il trailer del film di Ang Lee:
[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=QVPaar3APtI]

Recensione di Giorgio Maimone, da La Brigata Lolli, qui.

Breve intervista a Elliot Tiber, da Movieplayer.it, di Alessia Starace, qui.

Intervista a Ang Lee, di Carlo Bizio, per il Sole24ore.com, qui.

Qui, un’intervista audio di Piera Raimondi a Elliot Tiber, su RadioEmiliaRomagna.it

Taking Woodstock, di Elliot Tiber e Tom Monte, Rizzoli 2009, art director Francesca Leoneschi, graphic designer Elena Giavaldi, al risv. della q. di cop.: ritr. fotog. b/n virato rosso, ©Calvin K (part.) 1

Riassunto bibliografico:
queer / letteratura americana / prime edizioni italiane

Taking Woodstock
/ Elliot Tiber, con Tom Monte
1. ed. – Milano : Rizzoli. – 245 p. ; 21,5 x 14 cm. – (24/7)
Bartolucci, Valerio (trad. di) ; Leoneschi, Francesca (art director) ; Giavaldi, Elena (graphic designer)
Brossura, con risvolti
©2009 RCS Libri S.p.A., Milano
©2007 Elliot Tiber e Tom Monte
Titolo originale: [si sono dimenticati di metterlo, n.d.r.: Taking Woodstock. A True Story of a Riot, a Concert, and a Life]

Articolo apparso su L’Indice dei Libri, n. 10 – XXVI, Ottobre 2009.

*lindice

Recensioni, gli ultimi post.
FN, tutti gli ultimi post