Non starò a raccontarvi delle storie

Menu

Editoria: notizie / 16: SguardoMobile; La lepre edizioni. (L’Indice dei Libri -XXVI- Febbraio 2009); 3 di 3.

Sguardomobile: una nuova collana da Le Lettere

S

Sguardomobile nasce “a ridosso delle attività del dottorato di letteratura comparata e traduzione del testo letterario dell’università di Siena, iniziato nell’ottobre del 2000”; “il progetto si è poi allargato comprendendo altri amici e intellettuali estranei a quel dottorato o al mondo universitario. E speriamo si estenda ancora.”; nel 2003 diventa un sito internet, che accoglie recensioni, schede, saggi brevi, traduzioni, discussioni; ora diventa anche collana, edita da Le Lettere: “La collana editoriale SguardoMobile vuole porsi in continuità con il sito e portare a maturazione l’esperienza di questi anni. Si tratta di una collana di letteratura comparata che abbraccia tutto il vastissimo orizzonte di questa disciplina (dalla traduttologia agli studi postcoloniali, dalla critica tematica alla teoria dei generi) restando fedele alla poetica di sguardomobile.it, sospesa tra esposizione del dato “scientifico”, diffusione del sapere e dialogo culturale. Ogni testo viene discusso all’interno del gruppo degli sguardomobilisti, secondo un principio di condivisione orizzontale che rispetti e valorizzi le competenze individuali”. I volumi, copertina di un giallo simil-pergamena, titoli in rosso, forse echi lontani di Gallimard, hanno l’aria seria che si confà ad un saggio, appena mossa da un disegnino in nero, come vergato sulla copertina. Il rapporto fra produzione in rete, con le sue caratteristiche forti di discontinuità lineare dei contenuti, e i testi cartacei, fissi nella loro fisicità ineludibile, è lontano dall’essere risolto o anche solo ben esplorato: il tentativo di sguardomobile sembra esserne un tassello interessante. Fra i quattro titoli già usciti: Thomas Mann, Destino e compito di un intellettuale in esilio, a cura di Elena Sciarra; Il demone distratto. Scrittura e personaggio nel primo Kafka, di Marco Federici Solari.

*

La lepre edizioni: una nuova casa editrice

L

La lepre edizioni è una nuova casa editrice; nata alla fine del 2007 a Roma arriva in libreria alla fine del 2008, prevedendo 14 titoli l’anno divisi fra 6 collane. Il sito, attraversato da molte lepri, anche scaricabili, prefigura il catalogo già sin al 2010, senza tradire volontà di nicchia, e animato da uno spirito leggero, e serio. I libri approdati per ora alla vendita, e le copertine di quelli futuri, disegnati da Francesca Schiavoni, hanno tratti molto puliti, mai strillati, eppure visibili, e si caratterizzano per un’innovazione inedita: al basso della copertina, ch’è campeggiata da un grande quadrato per l’illustrazione (spesso una fotografia in bianco e nero, ma anche un disegno, o una foto a colori), è riportata, accanto alla lepre simbolo della casa editrice, una domanda, diversa da titolo a titolo, a suggerire che il libro che si ha in mano possa essere, o aiutare a trovare, la risposta. Sono frasi corte, forse un po’ stentoree, ma efficaci. E’ un’innovazione interessante non solo perché inedita nel suo uso strutturale, ma perché intuisce un passaggio preliminare alla lettura, e vi si inserisce, cercando di orientarlo: nel mare incostante e vastissimo dei titoli in libreria, potrebbe risultare efficace nel momento esiziale della scelta. Più della quarta di copertina, elemento che ha avuto fasti straordinari e che ora è sempre più svuotato di senso, queste domande de La Lepre (“E’ possibile uno sguardo cosmopolita sul mondo, che abbia in sé l’immediatezza della letteratura occidentale e la profondità di quella orientale?”, I giorni dell’ibisco, di Aamer Hussein; “E’ possibile stilare un catalogo dei diversi tipi di snob?”, Dizionario dello snobismo, di Philippe Jullian; “Possiamo riuscire a combattere il degrado del nostro pianeta, migliorandone decisamente la condizione?”, Come risanare il pianeta, di Anne Gouyon e Maximilien Rouer) sembrano ora un buon veicolo verso l’acquisto, e la lettura.

*

(Appunti, che qui trascrivo -aggiungendo i links, appare mensilmente sulla rivista cartacea L’Indice dei Libri dal febbraio 2008; è uno spazio nel quale cerco di dar conto di novità editoriali: nuove case editrici, nuove collane, innovazioni significative nella grafica o nei programmi. Per segnalazioni, integrazioni, errori potete lasciare un commento o scrivermi via mail: federico.novaro.libri@gmail.com, grazie)

Articolo apparso su L’Indice dei Libri, n. 2 – XXVI, Febbraio 2009.

*lindice

Notizie, gli ultimi post.
FN, tutti gli ultimi post