Non starò a raccontarvi delle storie

Menu

Arthur Dreyfus / La chimica dell’incontro. Salani 2011. (segnalazione)

È in libreria

La chimica dell’incontro
di Arthur Dreyfus

Traduzione di Francesco Bruno
Progetto grafico di Elisa Zampaglione

238 p. ; 14,80 €
Salani -Romanzi, MIlano 2011

Arthur Dreyfus, La chimica dell'incontro, Salani 2011; Progetto grafico: Elisa Zampaglione, "In copertina: foto di Arthur Tress; copertina (part.), 1

Dalla scheda de La chimica dell’incontro sul sito Salani:
“Ernest e Chris hanno sedici anni e si amano, anche se non si sono mai incontrati. L’Oceano Atlantico li divide, e solo il tenue filo della posta elettronica, teso tra la Francia del sud e la Florida, permette loro di scambiarsi pensieri, emozioni e più di ogni altra cosa ricordi. E alle e-mail di Ernest si intreccia, frammento dopo frammento, l’intensa vicenda umana di suo nonno Félix, giovane studente di chimica all’epoca dell’occupazione nazista in Francia, che la guerra e il patriottismo strappano alle aule universitarie per precipitarlo in una realtà di guerriglia clandestina, tradimenti e fughe notturne sulle montagne […]”

Arthur Dreyfus, La chimica dell'incontro, Salani 2011; Progetto grafico: Elisa Zampaglione, "In copertina: foto di Arthur Tress; bandella editoriale e copertina (part.),

(incidentalmente: non ho ancora letto il libro e quindi più di tanto non posso dire, ma l’intorno del testo nella sua versione cartacea non è male e anche interessante, fatta la tara al tono un po’ enfatico, e pare anche corretto nell’evitare le solite espressioni tipo “romanzo a tematica gay”, “al di là di ogni facile sensazionalismo”, “tema scabroso trattato con delicatezza” ecc. che spesso si sprecano, anche se per fortuna, e questo libro ne è una conferma, sempre meno. Bravi da Salani quindi.
Se andate sul sito trovate, messi ben ordinati sotto dei titolini (“Il libro”, “Giudizi”, “L’autore”…), tutti i testi scritti su copertina, risvolti ecc. E basta.
Pigrizia? Miopia? Avarizia?
La cosa più buffa è la sezione titolata “Un brano”, che riproduco integralmente, eccola:

“Lo riconosco. È il profumo di Chris… che mi assale, mi invade le narici. Dapprima, quell’effluvio esperideo di bergamotto e arancio, di pompelmo, di limone verde. Subito dopo, l’offensiva canforata del pepe, della lavanda, del cardamomo. Sono già inerme quando arrivano il sandalo, il cedro, il coriandolo, il tabacco; e il muschio.
Mi arrendo.
Come sempre, mi ha colto di sorpresa.”

Fine del brano.

Arthur Dreyfus, La chimica dell'incontro, Salani 2011; Progetto grafico: Elisa Zampaglione, "In copertina: foto di Arthur Tress; copertina (part.), 4

Ora: sul libro, versione cartacea, ci sono limiti soprattutto spaziali, li puoi gestire in tanti modi, dando più o meno informazioni, ma lo spazio è sempre quello, e c’è un linguaggio, delle abitudini, dei codici, consolidati da un secolo almeno, che ogni volta si seguono, si forzano, si ridisegnano. Ma come si può pensare, ancora, che in rete valgano le stesse regole?
63 parole? Le stesse della quarta di copertina.

Quel che se ne ricava, è non solo una reticenza a usare la rete, ma una specie di sorda volontà di depotenziarla, sminuirla, una sorta di negazione della sua esistenza, naturalmente paradossale e perdente. È buffo e triste guardare l’editoria da questi punti di vista, animaletti che si dibattono per resistere strenuamente in vita là dove sono sempre stati, mentre a un passo un nuovo habitat tanto misterioso quanto accogliente si allarga, cresce, muta, senza di loro.)

Naturalmente, il testo è disponibile anche come ebook, a 10,99 € (DRM Adobe (acs4)).

Arthur Dreyfus, La chimica dell'incontro, Salani 2011; Progetto grafico: Elisa Zampaglione, "In copertina: foto di Arthur Tress; incipit (part.), 1

Il titolo originale, che non tentava di evocare La solitudine dei numeri primi (metafora scientifica svolta con soggetto e complemento di specificazione, che noia), è La synthése du camphre, ed è pubblicato da Gallimard.

Arthur Dreyfus, La chimica dell'incontro, Salani 2011; Progetto grafico: Elisa Zampaglione, "In copertina: foto di Arthur Tress; copertina (part.), 2

Del libro in rete per ora non si trova tanto, in Francia molto lo elogiano, ma leggi leggi non è che se ne ricava molto. C’è qualche video qua e là, ma poco interessante (perché hai fatto Sciences Po, un giro in una radio gay, una micro intervista [traduco a memoria: -qual’è il tuo più grande fallimento?-, -la mia nascita…-]).

Arthur Dreyfus, La chimica dell'incontro, Salani 2011; Progetto grafico: Elisa Zampaglione, "In copertina: foto di Arthur Tress; risvolto della quarta di copertina (part.), 2

Arthur Dreyfus, La chimica dell'incontro, Salani 2011; Progetto grafico: Elisa Zampaglione, "In copertina: foto di Arthur Tress; copertina (part.), 10

Segnalazioni, gli ultimi post.
FN, tutti gli ultimi post