Non starò a raccontarvi delle storie

Menu

20, gli occhi del mondo

FN_Summer_love_2La fotografia centrale della terza pagina sicuramente non è stata scattata da loro, il bruno e il biondo. Lo dice la postura –stanno camminando-, lo dice la stampa: molto più grande delle altre, dai bordi tagliati di netto e non frastagliati e di una qualità superiore alle altre. Deve essere una foto che è stata fatta loro e poi regalata.

 

La didascalia dice: “Sur la digue de | La Panne, nuit | de Festival…” [sulla diga di La Panne, notte di Festival…].

 

La Panne è una cittadina a due chilometri da Oostduinkerke e a un passo dal confine francese; località turistica ora come allora.

 

Non ho trovato tracce di che festival potesse essere. Dietro di loro s’intravede un cartellone, ma non ne ho saputo trarre degli indizi.

 

La didascalia, apparentemente descrittiva, non sembra abbandonare il tono ironico della pagina; il bruno e il biondo qui sono ritratti con un’aura mondana, sorpresi dall’obbiettivo inaspettato; entrambi guardano in macchina, sorridono coi loro due sorrisi: il biondo come sempre leggermente compiaciuto, una mano in tasca –come in pressoché tutte le fotografie-, il volto aperto allo sguardo; il bruno è più contratto, il sorriso è quasi una smorfia, ingrandito rivela un lampo di preoccupazione.

La posa, non studiata, li ha fermati mentre entrambi avanzano la gamba sinistra, così che le due figure hanno qualcosa di danzante, di café chantant; la sigaretta del bruno e il sorriso aperto del biondo, l’accenno al Festival della didascalia li fanno divi a passeggio; i vestiti –gli stessi del giorno, le stesse polo aperte sul collo della pagina precedente- li smascherano come gli abitanti felici della fragile tenda nascosta fra le dune.

 

Eppure la fotografia ha il posto d’onore nella pagina e le altre le ruotano attorno come collezione d’episodi minori; così come nei rotocalchi attorno a una foto grande in posa delle dive o dei divi di turno, ruotano foto più piccole di qualità e importanza minore –scene dall’ultimo film, un arrivo a una cerimonia, un taglio d’un nastro, l’amica d’infanzia-, anche qui la coppia del biondo e del bruno mette in scena il proprio amore fingendosi sotto gli occhi del mondo.

 

La data, scritta ai piedi della foto ma da questa separata da uno spazio, allarga all’intero mese quella ch’è stata forse una manciata di giorni; l’anno, scritto con cura e per intero, segna quei giorni, quel mese, quell’anno, come memorabili.

 

Dove siamo? –Dappertutto.

SUMMER_LOVE_NOVARO_3,8

SUMMER_LOVE_NOVARO_3,9

Summer Love, gli ultimi post.
FN, tutti gli ultimi post