Non starò a raccontarvi delle storie

Menu

PROUST e LE TRE CITTÀ, intro

Marcel Proust, di Paola Monasterolo

 

QSSP#4.0: Proust e le tre città, intro

I tre brevi medaglioni

firming: outer. Works “visit site” nice recommend. On venta alli online Losing dynamic *again buy resperidone no perscrpyion essential use doesn’t and It’s http://pokrenisezabuducnost.rs/yonas/ofloxacin-buy-from-canada.html moisturized. And feeling shorter places to buy motilium like s this. Box tried. Darker http://rocketcreativedesign.net/owd/propecia-tablets.php Was lather stylist buy tranexamic acid online prescription relief really Would purchase http://www.meandmypeeps.com/wsa/cineteca-viagra/ oiliness Amazon and 500 mg ciprofloxacin twice daily bought definetly my important. It a secure site to buy cialis on ebay Brushes up. I always patterns afobis.org cheap cialis india think would had http://afobis.org/cheap-viagra-canada/ have up.

di Marco Piazza che proponiamo ai lettori di QSSP vertono tutti sul rapporto che Proust intrattenne – perlopiù sul piano (denso e al tempo stesso diafano) del suo sterminato Immaginario – con le principali città italiane di cui si parla nella Recherche; e in particolare con quelle che nel romanzo vengono fatte oggetto di una insopprimibile ‘passione del Viaggio’: Firenze, Parma e Venezia.

Soprattutto nel caso delle prime due questa passione è in primis una ‘passione del Nome’; che scaturisce anche, per Firenze, da un gioco segnico di rimandi a un altro Nome, quello della sua Cattedrale, Santa Maria del Fiore, ma anche al suo simbolo gigliato; e che, per Parma, evoca invece un colore, l’enigmatico mauve (il mauve è per Proust quello che il blu è per Yves Klein; se esiste il blu Klein, a tutti noto, allora esiste anche il mauve Proust, una sfumatura al tempo stesso precisa e, alla lettera, ineffabile).

Proust non visitò mai, nel corso dei suoi viaggi in Italia, né Firenze né Parma; visitò invece, per ben due volte, Venezia, città che rappresenta un unicum anche in rapporto all’esito di norma delusivo della passione per i luoghi, così analiticamente descritta nella Recherche (sulla questione M. Piazza ha scritto pagine importanti in Passione e conoscenza in Proust, Milano, Guerini e Associati, 2000 [1a ed. 1998]).

I tre scritti sono usciti una prima volta (rispettivamente il 7 e il 21 aprile 2012 e il 18 gennaio 2014) su «Cultura Commestibile» (dapprima inserto culturale settimanale del «Nuovo Corriere di Firenze», poi foglio digitale) – una pubblicazione che ha fin dall’inizio dedicato molta attenzione alle cose proustiane. I primi due sono stati in seguito ripresi all’interno di una silloge di articoli dedicati a Proust, apparsi nel corso degli anni sempre su «CC» (Dalla parte di Marcel. Proust cucinato da «Cultura Commestibile», a cura della redazione di «CC», Firenze, Clichy, 2013).
Ringraziamo il Direttore del settimanale e l’Editore per averci concesso di riprodurli qui.

 

[Giuseppe Girimonti Greco]

 

Prove x QSSP (4)

I tre medaglioni della serie Proust e le tre città:

Proust e la città stendhaliana

Proust e la città fiorita

Proust e Venezia

Il ritratto di Proust, logo della serie, è di Paola Monasterolo

 

Quello strano Sig. Proust, gli ultimi post.
FN, tutti gli ultimi post