Non starò a raccontarvi delle storie

Menu

Editoria : notizie / 46. Einaudi – NUE (da L’Indice dei Libri, giugno 2010)

Einaudi: NUE

E, 6, 12.10.09

Rinasce l’”Universale Einaudi”; aperta nel 1942 sotto l’egida di Carlo Muscetta ebbe tre forme grafiche, l’ultima, capolavoro suprematista, insuperato, di Oreste Molina, dove galleggiavano minuscole le indicazioni su fondi colorati, fu sostituita (diventando la “Nuova Universale Einaudi”) da quella bianca e rossa di Bruno Munari nel 1962: si ricominciò la numerazione e riformulò il programma, che condotto da Giulio Bollati si fece sempre più politico e insieme pedagogico.

Compatti, quasi dei breviari, rilegati in tela azzurra ad evocare la gloriosa “Narratori Stranieri Tradotti”, i volumi furono fasciati da Munari con una sovracoperta bianca e lucida, solcata orizzontalmente da cinque barre rosse che tagliavano la copertina e si prolungavano sul dorso, ribaltando l’asse verticale consueto, e organizzando le informazioni in una gerarchia programmatica che metteva in evidenza le varie collaborazioni e attribuiva all’indicazione del numero del volume grande risalto, a significare un legame forte fra le uscite.
In alto un piccolo quadrato in bianco e nero ospitava, dove fosse univoco, un ritratto dell’autore o dell’autrice (casi rarissimi, Anne Frank, Rosa Luxembourg, Gertrude Stein…) con, subito sotto, il nome; fra le prime due barre il titolo; poi, a scendere, le responsabilità della cura; il numero di successione; infine, prima dell’ultima barra, nome e marchio dell’editore; in quarta di copertina la lista degli ultimi titoli usciti; al primo risvolto una nota al testo, al secondo una nota al volume precedente; di estrema riconoscibilità venne molto poco imitata (la collana “All’insegna dei grandi maestri” delle romane Edizioni Moderne ne fu quasi una contraffazione).

IMG_2089

Ebbe una variazione con la prima “nuova serie”, che uscì in brossura fra il 1975 e il 1978, ed echi se ne possono trovare in altre collane, ad esempio nelle due sottili righine rosse che segnano la serie ‘bianca’ dei “Millenni”, o nella serie in brossura “Letture per la scuola media”, dove le barre erano tre e proseguivano sul dorso, serrando in copertina un’illustrazione in bianco e nero.

IMG_2091

Afflievolitasi negli anni, la “NUE” ha pagato pegno di un’impostazione politica che non si è saputo rinnovare e ha chiuso con eleganza nel 2003 col terzo volume dei Romanzi e prose di Paolo Volponi.

IMG_2090

Ora, preceduta da un lungo, entusiasta, articolo di Salvatore Settis apparso su ‘la Repubblica’, la NUE torna in libreria, con una seconda ‘nuova serie’, che nella campagna pubblicitaria prende a prestito le parole di Settis per illustrarne il programma: “[…] Il futuro dei classici. ‘La NUE che rinasce intende proporre un’assidua, rigorosa esplorazione del “classico” in tutte le culture’ […]” (Salvatore Settis, Il classico viene dall’Oriente, la Repubblica, 13.4.010, e materiale pubblicitario Einaudi)

IMG_2088

Sul sito dell’Einaudi, in un linguaggio fortemente anti-accademico si delinea: “[…] La leggibilità dei testi, che è un punto fermo della collana, non toglie nulla all’importanza dell’approccio storico-filologico, […] le traduzioni, le introduzioni e le note saranno curatissime e daranno l’idea dell’attualità di molte di queste opere, ma anche della distanza che bisogna percorrere per comprendere il mondo antico, a qualsiasi latitudine. […]”.

La grafica, dello studio Pitis, innova e conserva: mantiene i caratteri originali e ritraccia le barre (diminuite a tre da cinque, come “Le letture”), che qui si interrompono prima dei margini, riportando la copertina ad una assialità verticale; ora evocano una più contemporanea sottolineatura che una legatura: ne risulta una funzione più assertiva, e, così disancorate, s’indeboliscono.

IMG_2085

È interessante che l’Einaudi scelga, per una collana da un programma denso e ambizioso, un’estetica che ora risulta anti-enfatica, quasi modesta. Quattro titoli all’anno; i primi, già disponibili: Storia di Saigyo, a cura di Lydia Origlia; La consolazione di Filosofia, di Salvatore Severino Boezio; il Trattato di Manu sulla norma, a cura di Federico Squarcini; Il viaggio notturno e l’ascensione del Profeta nel racconto di Ibn ‘Abbas, a cura di Ida Zilio-Grandi.

IMG_2086

(mi accorgo ora mentre lo trascrivo da L’Indice: l’articolo di Settis comincia con “Risorge la NUE”; la pubblicità di Einaudi con: “Ritorna la NUE”, il mio pezzo con “Rinasce la NUE”. Il minimo che posso dire è che siamo tutti molto pigri)

Il sito dell’Einaudi alla pagina di presentazione della NUE, qui

Il sito dello studio Pitis, alla pagina di presentazione della NUE, qui

L’articolo di Salvatore Settis che ha preceduto il lancio della NUE su Repubblica, qui

(Appunti, che qui trascrivo -in forma più estesa e aggiungendo i links- appare mensilmente sulla rivista cartacea L’Indice dei Libri dal febbraio 2008; è uno spazio nel quale cerco di dar conto di novità editoriali: nuove case editrici, nuove collane, innovazioni significative nella grafica o nei programmi. Per segnalazioni, integrazioni, errori potete lasciare un commento o scrivermi via mail: federico.novaro.libri[chiocciola]gmail.com, grazie)

Articolo apparso su L’Indice dei Libri, n. 6 – XXVI, Giugno 2010.

*lindice

IMG_2085

Notizie, gli ultimi post.
FN, tutti gli ultimi post