Non starò a raccontarvi delle storie

Menu

Edmondo De Amicis, Amore e ginnastica

Scheda bibliografica
Edmondo De Amicis, Amore e ginnastica, Einaudi, Torino, 1971. – X-128 p. ;
19,5×11,5 cm. – (Centopagine, 6); 1 ed.
Nota introduttiva di Italo Calvino seguita da Nota bio-bibliografica
Brossura
Alla carta di guardia anteriore: Centopagine / Collezione di grandi narratori / diretta da Italo Calvino
Alla quarta di guardia posteriore: Nome della collana e titoli pubblicati
Alla copertina si indica: autore, titolo, nome della collana, numero d’ordine, nome dell’editore
Al dorso: numero d’ordine, logo della casa editrice, autore, titolo
Responsabilità grafica non indicata [Bruno Munari]
Stampa: 30 ottobre 1971
Stampatore: Officina Grafica Artigiana U. Panelli
© 1971 Giulio Einaudi editore S.p.A.

Pubblicato quasi clandestinamente in quattro puntate nel 1891 all’interno della rivista “Nuova Antologia”, Amore e ginnastica è un racconto breve di Edmondo De Amicis che, per tema e stile narrativo, capovolge l’immagine della scrittura pedagogica e moraleggiante affibbiata allo scrittore di Cuore. Il testo appare in un unico volume per la prima volta nel 1892 all’interno del volume Fra scuola e casa. Bozzetti e racconti, edito dai fratelli Treves, casa editrice di narrativa e di riviste di attualità e viaggi tra le più significative tra quelle nate a Milano negli anni dell’Unità, con un catalogo di scrittori noti, tra cui lo stesso De Amicis e D’Annunzio.

Il racconto della passione per la bella e atletica maestra di ginnastica Pedani, protagonista femminile della storia, visse dimenticato per oltre quarant’anni, in ristampe dell’edizione Treves fino al 1924. Fu Italo Calvino, nel 1971, a ridestare l’attenzione sul testo deamicisiano ripubblicandolo come sesto titolo della collana Einaudi “Centopagine” e accompagnando il testo con una sua nota introduttiva. L’edizione Einaudi fu ristampata fino agli anni ottanta con una seconda edizione nel 1973, anno d’uscita del film omonimo diretto dal regista Luigi Filippo D’Amico, e una terza edizione nel 1981, restando tra i titoli più venduti della collezione per un totale di 15 mila copie, accanto agli autori più noti come Conrad, Tolstoj o Dostoevskij.

Nel 1986, Amore e ginnastica e altri racconti viene dato alle stampe per i tipi di Rizzoli, all’interno della collana di classici BUR a cura di Giorgio De Rienzo. Tre le edizioni degli anni novanta, quella dei Libri dell’Unità nel 1993 con introduzione a cura di Valeria Viganò e quella del 1997 per la casa editrice Principato di Milano a cura di Giuseppe Gallo.

Nel 2000, la Libreria editrice universitaria Levrotto & Bella di Torino pubblica un’edizione commentata del racconto a cura di Renata Freccero. Nel 2001, oltre all’edizione a cura di Rosanna Gamberini per la casa editrice Alice di Bologna, il racconto di De Amicis arriva nella collana “Oscar Mondadori”, che ripropone la versione Einaudi con introduzione a cura di Italo Calvino. Nel 2004, il titolo compare nei cataloghi della casa editrice Mephite di Atripalda (Avellino), a cura di Luciano Tamburini, mentre nel 2005 “La Stampa” pubblica il racconto come collaterale nella “Collezione d’autore”.

Nel 2006, Amore e ginnastica è il terzo titolo della collezione “Le spighe” delle edizioni ETS di Pisa, con la cura di Rosella Frasca e tre anni dopo il racconto esce in un’edizione speciale per il progetto “Qui comincia la lettura di Festivaletteratura” per le edizioni Corraini di Mantova.

Nel 2010, Einaudi pubblica una nuova edizione del racconto a cura di Luca Scarlini, mentre nel 2012 il testo è edito dalla casa editrice Barbèra di Siena e l’anno successivo è pubblicato dall’editore Otto/Novecento di Milano all’interno della collana “Adularia Minima” con introduzione di Riccardo Reim. Nel 2015, il titolo entra nel catalogo delle edizioni Ecra di Roma.

 

 


Testi: Marta Occhipinti

Immagini: Andrea Vendetti e Federico Novaro

 

Centopagine Einaudi, gli ultimi post.
FN, tutti gli ultimi post