Non starò a raccontarvi delle storie

Menu

Agatha Christie, MACABRO QUIZ; di Giuliana Giulietti

Le Signore in giallo, a cura di Mariolina Bertini e Giuliana Giulietti

Esplorazioni, notazioni, avvisi, ragionamenti

sulla letteratura che in Italia si chiama gialla

BERTINI_GIULIETTI_NOVARO_FN

Le signore in giallo, di Bertini / Giulietti

5.: Agatha Christie

di Giuliana Giulietti

Macabro quiz

Complotti delitti e autorità femminile

NORE_IN_GIALLO_NOVARO_16Pubblicato nel 1959, Macabro Quiz (Cat Among the Pigeons) fa parte di quel gruppo di libri (Avversario Segreto, L’uomo vestito di marrone, Il segreto di Chimneys, Poirot e i quattro, I sette quadranti, Il mondo è in pericolo, Destinazione ignota) collocati a metà strada tra il romanzo di spionaggio e il giallo poliziesco che Agatha Christie componeva mescolando elementi della spy story (complotti internazionali, agenti segreti, spie) con elementi della detective story (delitti, investigazioni, assassini) e nei quali dava libero sfogo alla fantasia al suo spirito d’avventura alla passione per i luoghi esotici e il mistero.

Sono dunque libri che si distaccano dai suoi filoni tradizionali e dove Poirot si insinua un paio di volte, nel 1927 in Poirot e i quattro e successivamente e quasi di sfuggita, in Macabro Quiz.

Il racconto si apre su due scenari uno in rilievo l’altro sullo sfondo: un collegio femminile inglese e un immaginario stato del Medio Oriente. Scenari diversi e lontani finché il caso per vie traverse non ci mette lo zampino. Una  rivoluzione esplosa a Ramat, l’uccisione del principe Alì Yusuf e del suo amico e pilota Bob Rawlinson e la scomparsa di un sacchetto di diamanti appartenenti al principe e che Rawlinson doveva consegnare a un certo Mr. Robinson sono gli eventi che misteriosamente si ripercuotono sul collegio di Meadowbank che diventa il teatro di inspiegabili delitti.

Meadowbank è l’opera di una donna, Honoria Bulstrode, che spinta dal proprio desiderio e sostenuta dall’amica ed eccellente matematica Chadwick ha creato il più prestigioso collegio femminile d’Inghilterra. In questo romanzo avvincente e pieno di  colpi di scena ciò che più mi colpisce è la sapienza con cui Agatha Christie rappresenta la società femminile di Meadowbank, quella “marea di donne” insegnanti, allieve e le loro madri che sono le vere protagoniste della storia.
Con i loro desideri, la loro libertà, il loro coraggio e ironia e debolezze e fragilità.
Con il loro miscuglio di bontà e cattiveria. Agatha Christie non era femminista ma sapeva di sé e delle altre donne l’essenziale, sapeva ad esempio -e lo dice attraverso il personaggio di Honoria Bulstrode- che  nel mettere in gioco il proprio desiderio una donna acquista più forza se si allea a un’altra donna e non per semplice solidarietà ma in una relazione di autorità come appunto nel caso di Honoria e Chaddy.  

Si tratta beninteso di una relazione complicata con i suoi alti e bassi e intoppi e conflitti e rivalità e gelosie che la Christie mette in luce, tra un delitto e l’altro, in Macabro Quiz. A partire dall’inquietudine di Miss Bulstrode che si annoia e avverte il bisogno di un cambiamento e di passare il testimone. Bisogna andarsene –pensa– prima di perdere in autorità, prima di odorare di muffa e perciò cerca di individuare tra le diverse insegnanti del collegio colei in grado di sostituirla. Certamente non la fidata Chaddy. Non solo perché Chaddy è anziana e Meadowbank necessita di energie nuove e di una rinnovata audacia. È che Miss Bulstrode non riconosce all’amica la capacità di guidare il collegio e ciò scatena la gelosia di Chaddy che intuisce quel che passa nella testa di Honoria e sa che a lei preferisce Eleanor Vansittart l’insegnante di tedesco.

NORE_IN_GIALLO_NOVARO_8

La sessione estiva di Meadowbank è appena iniziata -sono arrivate una nuova segretaria, due nuove insegnanti, nuove allieve tra cui la principessa Shaista cugina del principe Yusuf e Jennifer Sutcliffe nipote di Bob Rawlinson e che si trovava con la madre a Ramat in quei giorni convulsi e Julia Upjohn una simpatica intelligente intrepida ragazzina dal fiuto eccezionale. Tra i nuovi arrivati c’è il bellissimo e giovane giardiniere Adam Goodman in realtà un agente segreto inviato a sorvegliare Meadowbank per via dei diamanti che lo zio di Jennifer è riuscito in qualche modo a far entrare in Inghilterra (forse nascondendoli nei bagagli della sorella e non è un caso che l’abitazione dei Sutcliffe sia messa a soqquadro da un ladro prezzolato non si sa da chi) e che fanno gola a diversi tipi di malfattori e ai golpisti di Ramat.
Dei diamanti esiste però e per volontà del principe un legittimo erede di cui solo Mr. Robinson conosce l’identità.
Meadowbank per via di Shaista (qualcuno potrebbe pensare di darle i gioielli o di comunicare con lei) e di Jennifer Sutcliff sembra dunque essere il centro dell’intrigo su cui indagano il signor Edmundson del Ministero degli esteri, i servizi di spionaggio e Mr. Robinson. Al complicato puzzle va aggiunto un altro tassello.

Il giorno d’apertura della sessione estiva la madre di Julia Upjohn guardando nel giardino dalla finestra dell’ufficio di Miss Bulstrode aveva riconosciuto, con enorme sorpresa, una persona che lì non doveva proprio esserci. Una persona con cui aveva avuto a che fare quando, verso la fine della guerra, lavorava nell’Intelligence Service. Nei giorni che seguono e senza riuscire a spiegarselo Miss Bulstrode avverte un senso di disagio che collega alle parole della signora Upjohn (che nel frattempo è partita per l’Anatolia in pullman) e alle quali lì per lì non aveva prestato attenzione.
A Meadowbank  c’è qualcosa che non va, forse qualcuno.

NORE_IN_GIALLO_NOVARO_21

E d’un tratto la catastrofe.
Grace Springer la nuova insegnante di ginnastica viene assassinata nel cuore della notte nel padiglione degli sport. Stessa sorte e nello stesso luogo tocca a Eleanor Vansittart e l’insegnante di francese Angèle Blanche -che aveva l’abitudine di curiosare nel padiglione degli sport-  è rinvenuta cadavere nella sua stanza.
L’ispettore Kelsey incaricato delle indagini ordina ai suoi uomini di perquisire minuziosamente l’edificio, ma non c’è nulla lì che possa spiegare i delitti.
Solo gli stipetti delle ragazze, mazze da hockey, racchette da tennis.

Quei delitti provocano la rovina di Meadowbank. Ogni tanto una telefonata annuncia ad Honoria Bulstrode che un’altra allieva viene ritirata dal collegio ormai quasi svuotato. Il lavoro di tutta la sua vita le crolla intorno.    
Eppure lei non si scoraggia. L’idea di rimettere in sesto Meadowbank una volta passata la buriana le restituisce lo slancio degli inizi. E non sarà sola nell’impresa.
Da tempo ha individuato la donna con cui stringere una relazione feconda e che nel giro di due o tre anni saprà assumersi l’autorità di guidare Meadowbank.
Eileen Rich l’insegnante di inglese. Eileen è giovane intelligente appassionata con nuove idee da realizzare e la forza di Meadowbank, -Honoria non ha dubbi-  è sempre stata nel presente.   

C’è Poirot in Macabro Quiz ma il suo ruolo è davvero piccolo poco più di una comparsa. Entra in scena nell’ultima parte del romanzo tirato in ballo da Julia Upjohn la ragazzina dalla mente attivissima che riesce infine a scovare i diamanti e che di certo non poteva da sola risolvere un caso tanto complicato da coinvolgere il governo inglese i servizi di spionaggio e la polizia. Ma sono Julia e sua madre (rintracciata da un funzionario del consolato di Ankara e ricondotta in Inghilterra) a mettere tutti quanti sulla pista giusta e a consentire a Poirot  di smascherare l’omicida.  

E quando anche l’identità dell’erede del principe Yusuf sarà svelata in un finale a sorpresa e molto romantico, Julia Upjohn  riceverà come ricompensa uno splendido smeraldo verde simbolo del mistero.

Un bellissimo romanzo Macabro Quiz con il quale Agatha Christie e in particolare attraverso i personaggi di Honoria, Eileen, Julia e la signora Upjon rende omaggio alle donne. L’ho pensato fin dalla prima volta che l’ho letto negli anni d’oro del femminismo (c’è tutto pensavo stupita: l’affidamento, l’autorità femminile, il negativo tra donne) e rileggendolo non ho cambiato idea.

NORE_IN_GIALLO_NOVARO_6

NORE_IN_GIALLO_NOVARO_22

Le signore in giallo, di Bertini / Giulietti

5.: Agatha Christie

di Giuliana Giulietti

BERTINI_GIULIETTI_NOVARO_FN

si ringrazia

BERTINI_GIULIETTI_NOVARO_2

 

 

 

Le Signore in Giallo, gli ultimi post.
FN, tutti gli ultimi post