Non starò a raccontarvi delle storie

Menu

61, sono te

FN_Summer_love_2In questa pagina dalla composizione così incerta -o complessa- sono raccolte fotografie scattate in tre luoghi diversi: il lago di Robertville, la prima in alto a sinistra e quella più o meno al centro, per le quali è anche indicata una data, il giugno 1953; il Semois, in alto a destra e in basso a sinistra; Dave, dove sono state scattate probabilmente le restanti tre fotografie: in basso a destra, subito sopra, subito a sinistra -anche qui la data è precisata: Luglio 53.


A differenza della prima, la seconda fotografia scattata a Robertville è come di consueto una foto in posa: qui è Milo il fotografo. Non si può sapere se lo scatto fosse stato concordato prima che André lasciasse la riva, ma André guarda in macchina, sa di essere nell’obbiettivo di Milo, lui, le sue gambe ossute e un certo disagio che tradisce sempre. Fra tutte, questa è forse la fotografia che più s’incardina nel presente dello scatto.

L’occhio di Milo non è un occhio di fotografo, non si cura dei rapporti fra i piani, dell’inquadratura o degli sfondi; è più libero di quello di André da condizionamenti estetici e culturali; a Milo interessa il gioco che c’è intorno allo scatto, gli interessa usare la macchina fotografica di André mentre questo non può opporsi -Milo gode nell’essere fotografato, André è sempre a disagio-, si diverte a scattare più che a riprendere.

L’intenzione di Milo sta nello scatto meccanico dell’otturatore, nel modo avventuroso con cui si arriva a sentirne il rumore, nel sentirsi, come una presa in giro amorosa, André mentre André non può esserlo.

T’ho preso! -Ti amo.

SUMMER_LOVE_58_NOVARO_4

 

Summer Love, gli ultimi post.
FN, tutti gli ultimi post